Pensare in grande

Il primo anno in cui io e Pietro siamo andati a vivere
insieme ho iniziato a parlargli del Natale e di quanto amassi allestire la casa
già dall’inizio di Ottobre, lui mi guardava compiaciuto senza avere il coraggio
di dirmi apertamente che pensava fossi un po’ folle ed esagerata; taceva, ma quel
pensiero glielo leggevo chiaramente negl’occhi. Non credo si sia mai reso conto
che giorno dopo giorno, durante quell’autunno, mi muovevo furtiva nel web e nei
grandi magazzini per acquisire idee e acquistare materiale e oggetti che da lì
a qualche settimana avrebbero trasformato la nostra casa in un colorato
guazzabuglio di luci, palline e renne; molto più simile ad un baraccone
circense che ad un signorile appartamento del Nord Europa.
A distanza di tanti anni ha dovuto fare i conti con la
realtà e arrendersi alla mia stravaganza natalizia, si è rassegnato il giorno
in cui entrando a casa dei miei genitori ha trovato delle ghirlande appese allo
specchio del bagno. È un’inclinazione di famiglia quella di contestualizzare
tutti gli angoli della casa al ridente periodo delle feste di Natale. Mia madre
è una professionista, chissà se un giorno cederò anch’io al fascino del presepe
grande quanto il bancone di un bar e dettagliato più di un plastico di Bruno
Vespa. Per il momento ho un pensiero fisso: quello di appendere qualsiasi cosa
che richiami chiaramente un albero, una renna, un pupazzo di neve o anche solo
babbo natale.
Command 3M
Command 3M
Della mia “Ansia da Parete Bianca” vi ho già
raccontato qualche giorno fa, in quell’occasione è sopraggiunto un aiuto
provvidenziale, il supporto tecnico e psicologico che qualsiasi amante
dell’”allestimento creativo e indomabile” vorrebbe al suo fianco: le strisce
appendi quadri CommandTM. Pochi semplici
gesti per appendere, staccare e riappendere qualsiasi cosa, purché non abbia un
peso superiore ai 7 chili circa, dovrete quindi abbandonare l’idea di attaccare
in soggiorno una slitta, sempre che vi abbia sfiorato il pensiero.
Ho trascorso gran parte delle ultime nottate a
realizzare un piccolo calendario dell’avvento e a riempire cornici di immagini
e foto suggestive, di quelle che al primo sguardo fanno canticchiare “Santa
Claus is coming to town” senza alcun pudore. Ho immaginato dove le avrei potute
appendere e mi sono soffermata ad osservare ben cinque pareti senza riuscire a
prendere una decisione. La composizione degli allestimenti natalizi è una
questione importante, ce ne va dell’atmosfera gioiosa di almeno 4 settimane
l’anno.  E così è successo: ho attaccato
la cornice con le mie strisce per staccarla pochi minuti dopo,
#ilbellodicambiareidea non è mai stato tanto bello davvero. Ho rimosso il tutto
tirando verso il basso la linguetta, proprio come vi avevo raccontato tempo fa,
e incredula ho controllato la parete bianca, liscia e priva di qualsiasi
traccia. Non solo ho evitato i buchi che sarebbero rimasti con la rimozione dei
chiodi, ma non ho trovato neanche una minima macchia di colla.  Il sistema di fissaggio funziona, è semplice,
pratico e sicuro, asseconda qualsiasi attacco di creatività, compresa la mia
propensione a pensare in grande quando parliamo di addobbi e di Natale.
Command 3M

Ci sono voluti alcuni giorni, ma sono riuscita
a terminare le grandi opere, quasi in concomitanza con la fine dei lavori di
ristrutturazione dell’appartamento della vicina, iniziati il giorno in cui ho
portato a casa le prime palline per l’albero recuperate in cantina. Il
calendario dell’avvento è ben fissato sulla colonna in cucina, saldo per
sostenere cioccolate e messaggi fino al 25 Dicembre; la cornice invece è stata
collocata proprio all’ingresso del bagno, con beneplacito di Pietro, che ha
capito di non poter far nulla dinanzi alle inclinazioni genetiche che mi porto
dietro.

In collaborazione con CommandTM

(Visited 1 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *