MILANO NON TI AMO PIÚ, PROVEREMO A DIVENTARE BUONI AMICI

È finita così, all’improvviso, dopo diciassette anni di amore travolgente, totalizzante, appassionante e pericolosamente tossico.  Ti ho scelta che ero ancora una ragazzina, mi sono innamorata subito di te, del tuo carisma, delle code ordinate sulle scale mobili, degli aperitivi, delle innumerevoli opportunità di lavoro ben retribuito che a vent’anni ti fanno sentire grande, delle tue meravigliose Università, dei cinema sempre aperti, degli spettacoli a…

Read More

I CARCIOFI RIPIENI DELLA MIA MAMMA

Durante le vacanze di Natale ho preparato i Carciofi Ripieni insieme a mia madre, che ha iniziato ad appassionarsi di cucina, cucinata e non solo mangiata, dopo essere andata in pensione, non avendone avuto prima il tempo per farlo. Tra i piatti che preparava durante gli anni in cui si destreggiava tra casa e lavoro ci sono proprio i carciofi, che ha sempre amato e…

Read More

STORIE DI PANZEROTTI PUGLIESI

Se avete letto il post “Storia di una Focaccia con la Scarola” potreste intuire quale sarà l’argomento di questo racconto, che celebra la gioia del fritto in una delle sue supreme espressioni. Il panzerotto in Puglia è tradizione, casa, famiglia, sere d’estate, sorsi di birra ghiacciata, mozzarella bollente e troppo spesso gommosa, è una cena al volo o la panzerottata pianificata nel minimo dettaglio, è…

Read More

STORIA DI UNA FOCACCIA CON LA SCAROLA

(in teglia tonda da 26cm) La “Focaccia con la scarola”, per me, è una sorta di mito. È quella che ho mangiato innumerevoli volte durante l’infanzia e l’adolescenza, l’ho sempre amata e non mi sono mai posta il problema di quali fossero le dinamiche che mi permettevano di ritrovarla in casa. C’era e la mangiavo con piacere. Era quella delle mie zie, era quella della…

Read More

GIORNO QUARANTA DI QUARANTENA

Oggi è il quarantesimo giorno di quarantena, per me.  Sono esattamente quaranta giorni che vivo proiettata in una dimensione parallela dove il passato lo ricordo poco e il futuro prossimo non lo immagino affatto. Ho avvertito la necessità di scrivere quando mi sono resa conto che i pensieri si stavano sovraffollando, che non riuscivo più a riorganizzare la sequenza degli eventi delle ultime cinque settimane….

Read More